+39 0543 370688

28

Apr, 2020

Sicurezza nei luoghi di lavoro – misure da attuare a seguito del DPCM del 26/0472020 – Covid 19

By: | Tags: , , , , , , | Comments: 0

Misure di contenimento del contagio Coronavirus – DPCM del 26/04/2020 

L’attuale emergenza sanitaria correlata alla pandemia da SARS-CoV-2 oltre ad aver determinato una perdita insanabile di vite umane, rappresenta una situazione di emergenza globale, sociale e del lavoro e con l’emanazione di un ulteriore decreto in data 26/04/2020 sono state implementate le misure di sicurezza da attuare per il contenimento del contagio da parte delle attività che sono già ripartire in data 27/04(Allegato 1-2) e per le attività che potranno riaprire in data 4 Maggio 2020(Allegato 3).

Pertanto le imprese che hanno ripreso o possono riprendere la propria attività devono rispettare i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 Aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali, le stesse possono svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura a partire dalla data del 27 Aprile 2020.

Di seguito si riporta uno schema che sintetizza gli adempimenti necessari:

INFORMAZIONE Il Datore di Lavoro informa tutti i lavoratori e chiunque entri in azienda circa le disposizioni delle Autorità, consegnando e/o affiggendo all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili dei locali aziendali, appositi depliants informativi. L’azienda deve fornire un’informazione adeguata sulla base delle mansioni e dei contesti lavorativi, in particolare sul corretto utilizzo dei DPI.
MODALITA’ DI INGRESSO IN AZIENDA Il Datore di Lavoro prima dell’accesso al luogo di lavoro potrà sottoporre il personale al controllo della temperatura corporea e dovrà preventivamente informare il personale della preclusione dell’accesso a chi abbia sintomi influenzali o chi abbia avuto contatti con soggetti positivi al Covid-19, o provenga da zone a rischio o le modalità di rientro al lavoro dei lavoratori già risultati positvi all’infezione da covid-19.
MODALITA’ DI ACCESSO DEI FORNITORI ESTERNI Il Datore di Lavoro dovrà organizzare e informare i fornitori esterni o lavoratori dipendenti da aziende terze che operano nello stesso sito produttivo (es. manutentori, addetti alle pulizie o vigilanza) circa le procedure di ingresso, transito e uscita.
PULIZIA E SANIFICAZIONE AZIENDA Il Datore di Lavoro dovrà assicurare una giornaliera pulizia dei locali e una periodica sanificazione attraverso un protocollo aziendale che segue le disposizioni della circolare n. 5443 del 22/02/2020 del Ministero della Salute
PRECAUZIONI IGIENICO PERSONALI Il Datore di Lavoro informa il personale sulle precauzioni igieniche da adottare e mette a disposizione idonei detergenti per le mani
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Il Datore di Lavoro informa il personale circa il corretto utilizzo dei DPI come da indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mettendo a disposizione del personale idonei DPI e fornendo loro addestramento per gli stessi ove necessario.
GESTIONE SPAZI COMUNI L’accesso agli spazi comuni quali mense, spogliatoi, aree fumatori, distributori di bevande o snack deve essere contingentato, pulito giornalmente e sanificato periodicamente.
ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Il datore di Lavoro può procedere a una riorganizzazione aziendale attraverso la modalità di lavoro agile svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza (smart working), la turnazione, l’incentivazione di ferie e congedi e attraverso la sospensione di reparti non indispensabili alla produzione
GESTIONE ENTRATA E USCITA DEI DIPENDENTI Il datore di Lavoro organizza l’entrata e l’uscita attraverso orari scaglionati o utilizzando una porta di entrata e una porta di uscita
SPOSTAMENTI INTERNI, RIUNIONI, EVENTI INTERNI E FORMAZIONE Gli spostamenti interni devono essere limitati, non sono consentite riunioni in presenza e sono sospesi tutti gli eventi interni e/o formazione in modalità in presenza
GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA IN AZIENDA Il Datore di Lavoro deve indicare le modalità di gestione di una persona sintomatica, collaborare con le autorità e rendere visibili i numeri di emergenza per il Covid-19
SORVEGLIANZA SANITARIA/MEDICO COMPETENTE/RLS La sorveglianza sanitaria dovrà proseguire ed essere utilizzata anche come ulteriore misura di prevenzione. Per questo anche il Medico del Lavoro ha un ruolo chiave nell’integrare e proporre misure di regolamentazione legate al Covid-19 insieme al Datore di Lavoro e all’RLS/RLST.

I punti riportati nella tabella sono le misure che devono essere attuate attraverso l’aggiornamento del DVR aziendale (si veda anche Documento tecnico dell’Inail https://www.inail.it/cs/internet/docs/alg-pubbl-rimodulazione-contenimento-covid19-sicurezza-lavoro.pdf)  e alla redazione di un Protocollo di Sicurezza aziendale che deve rispettare queste misure, le quali possono essere implementate tenendo conto della specificità di ogni singola realtà produttiva e delle situazioni territoriali.

Per quanto riguarda gli esercizi commerciali occorre informare e adottare misure di prevenzione anche per il contatto con il pubblico, primo fra tutti la distanza sociale, il divieto di accesso o l’accesso in modo contingentato ai locali in base allo spazio disponibile, l’utilizzo di DPI e la messa a disposizione di detergenti per le mani.

Specifico inoltre che è stato redatto anche un Protocollo specifico di sicurezza per i cantieri, del settore del trasporto e della logistica e per il trasporto pubblico.

Pertanto si consiglia un’analisi specifica per ogni singola attività per poter determinare una buona e funzionale messa in sicurezza dell’azienda dato che la mancata attuazione dei protocolli che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Francesca Fattini,
Consulente Sicurezza nei Luoghi di Lavoro